Condizioni d’uso di World of Warcraft


WORLD OF WARCRAFT®

ACCORDO SULLE CONDIZIONI D’USO
Ultimo aggiornamento 23 novembre 2012

IMPORTANTE! LEGGERE CON ATTENZIONE!

Benvenuto nel gioco di ruolo multigiocatore online di massa di Blizzard Entertainment, Inc., World of Warcraft® (“World of Warcraft”). World of Warcraft è un’opera tutelata da copyright di Blizzard Entertainment, Inc., una società soggetta alle norme valide per lo Stato del Delaware. A partire dall’11 maggio 2009 (“Data di efficacia”), World of Warcraft è ospitato nell’Unione Europea da Blizzard Entertainment S.A.S. (d’ora in poi “Blizzard Entertainment”) e/o dai suoi concessori di licenza e ogni utilizzo del servizio proprietario online di World of Warcraft (il “Servizio”) è regolato dai termini e dalle condizioni contenuti nel presente Accordo sulle Condizioni d’uso, stipulato tra Blizzard Entertainment e l’Utente, e comprendente qualsiasi futura revisione apportata secondo la procedura indicata al successivo Articolo XII (in prosieguo “Condizioni d’uso”). È possibile utilizzare il Servizio solo accedendo al servizio di gioco Battle.net (“Servizio Battle.net”), soggetto a un separato e distinto Accordo sulle Condizioni d’uso (le “CdU di BNET”). Le presenti Condizioni d’uso costituiscono un’aggiunta a, e non sostituiscono né rimpiazzano, le “CdU di BNET” né l’Accordo di licenza per l’utente finale (“EULA”) che accompagna il software di World of Warcraft e a cui è soggetto l’utilizzo del software World of Warcraft (il “Client del gioco”). Prima di poter giocare a World of Warcraft, l’Utente deve accettare i termini dell’EULA, delle Condizioni d’uso e delle CdU di BNET (in prosieguo, collettivamente, “Accordi con Blizzard”). Qualsiasi utilizzo di World of Warcraft non conforme alle Condizioni d’uso è espressamente vietato. L’Utente dichiara di essere una ’persona fisica’ di età maggiore di diciotto (18) anni o comunque maggiorenne nel paese in cui risiede e accetta le presenti Condizioni d’uso a nome proprio e, se lo desidera, di un (1) minore di cui è genitore o tutore e che l’Utente ha autorizzato a utilizzare l’account creato sul Servizio

.
  1. I. Accesso al Servizio

    1. Registrazione su Battle.net per utilizzare il Servizio. L’Utente deve (i) ottenere un codice di autorizzazione per World of Warcraft da parte di Blizzard (che si trova normalmente nella scatola contenente il gioco o acquistato tramite Battle.net), (ii) registrarsi e connettersi usando un account Battle.net autorizzato (“Account”) per giocare a World of Warcraft e (iii) accettare i termini delle presenti Condizioni d’uso, dell’EULA e delle CdU di BNET. World of Warcraft può essere utilizzato solo dagli utenti finali autorizzati secondo i termini contenuti negli Accordi con Blizzard. Qualsiasi utilizzo, riproduzione, modifica o distribuzione di World of Warcraft non espressamente autorizzati secondo i termini degli Accordi con Blizzard sono espressamente vietati.

    2. Cessione di una Licenza limitata per l’uso del Servizio. Fatti salvi i termini e le condizioni del presente Contratto e la sua accettazione e il suo costante rispetto da parte dell’Utente, Blizzard si impegna quivi a cedere all’Utente una licenza limitata, revocabile, non trasferibile, non cedibile su licenza e non esclusiva all’utilizzo del Servizio, esclusivamente per uso privato e non commerciale di intrattenimento, tramite accesso al Servizio mediante un browser web o un client di Gioco autorizzato e non modificato. Non è concesso l’utilizzo del Servizio per qualsiasi altro scopo o in connessione mediante altro software.

    3. L’Utente accetta di pagare tutti gli oneri connessi all’Account, ivi comprese le tasse eventualmente applicabili, secondo le condizioni di fatturazione per l’accesso al Servizio in vigore al momento in cui il canone o gli oneri diventano esigibili. Il diritto dell’Utente ad accedere al Servizio è soggetto ai limiti imposti dall’emittente della sua carta di credito, dal servizio di fatturazione, dall’Accordo per le carte prepagate di World of Warcraft e dagli altri metodi di pagamento autorizzati da Blizzard Entertainment.

    Se l’Utente ha un saldo a debito relativo all’Account e ha fornito a Blizzard Entertainment un numero di carta di credito, l’Utente accetta che Blizzard Entertainment possa addebitare tale somma sulla sua carta di credito o di debito secondo le normali regole.

    4. Blizzard Entertainment non riconosce il trasferimento degli Account e ogni trasferimento non autorizzato del software di World of Warcraft comporterà l’eliminazione permanente dell’Account collegato a quel software. Non è possibile vendere od offrire un Account in cambio di qualcos’altro. Qualsiasi transazione del genere:

    (1) costituisce una violazione del presente Accordo,
    (2) può comportare, a esclusiva e assoluta discrezione di Blizzard Entertainment, la sospensione o l’eliminazione dell’Account e
    (3) non sarà opponibile a Blizzard Entertainment.

    5. Salvo nei casi disciplinati nel presente documento, non sono previsti rimborsi per i casi in cui l’Account venga cancellato prima della scadenza dell’abbonamento. Il Servizio resterà disponibile all’uso fino alla scadenza dell’abbonamento in corso.
  2. II. Controlli parentali.

    I genitori possono limitare l’uso del Servizio grazie al sistema di Controllo Parentale. Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina: http://eu.battle.net/parents.
  3. III. Limitazioni all’uso di World of Warcraft.

    1. La licenza concessa all’Utente all’Articolo I, Sezione 2 di cui sopra è soggetta ai limiti imposti dalle presenti Condizioni d’uso, dall’EULA e dalle CdU di BNET. Le restrizioni imposte al diritto dell’Utente di usare World of Warcraft possono comprendere, ma non si limitano a, i seguenti casi:

    (1) Blizzard Entertainment si riserva espressamente il diritto esclusivo di creare opere derivate basate su World of Warcraft. Questo significa che l’Utente non può creare opere derivate basate su World of Warcraft senza il previo consenso espresso scritto di Blizzard Entertainment.

    (2) Solo Blizzard Entertainment e i suoi licenziatari hanno il diritto di fare da host per World of Warcraft! Di conseguenza, l’Utente non può fare da host, fornire servizi di matchmaking o intercettare, emulare o reindirizzare i protocolli di comunicazione usati da Blizzard Entertainment per World of Warcraft, indipendentemente dal metodo usato. Le operazioni proibite possono comprendere, senza limitazione alcuna, l’emulazione dei protocolli, la retroingegneria, la modifica di World of Warcraft, l’aggiunta di componenti di World of Warcraft, l’utilizzo di un programma che permetta di fare da host per World of Warcraft.
    2. L’Utente accetta di non:
    (1) modificare o permettere la modifica dei file che facciano parte dell’installazione di World of Warcraft,
    (2) creare o usare codici truffa, “mod” e/o hack o qualsiasi altro software di terze parti progettato per modificare l’esperienza di World of Warcraft,
    (3) usare qualsiasi software di terze parti che intercetti, “estragga” o altrimenti raccolga informazioni da o tramite World of Warcraft,
    (4) permettere ai giocatori che stanno giocando con personaggi membri della fazione dell’"Alleanza” di chattare o altrimenti comunicare direttamente con giocatori che stanno giocando con personaggi membri della fazione dell’"Orda” o viceversa,
    (5) acquistare o vendere in cambio di denaro “reale” oro, armi, corazze o qualsiasi altro oggetto virtuale utilizzabile in World of Warcraft, effettuare scambi con essi al di fuori della piattaforma di World of Warcraft,
    (6) permettere a una terza parte (che non sia il minore per il quale l’Utente abbia eventualmente creato l’Account) di giocare con il suo Account. In questa fattispecie è compreso, a titolo d’esempio, il caso dei cosiddetti “servizi di potenziamento", ossia pagare qualcuno affinché giocando con l’Account dell’Utente renda il personaggio di quest’ultimo più potente,
    (7) giocare con l’Account di una terza parte. In questa fattispecie è compreso, a titolo d’esempio, il caso di fornitura dei summenzionati “servizi di potenziamento",
    (8) ascoltare, intercettare o monitorare le comunicazioni verbali non rivolte all’Utente o usare strumenti progettati per disturbare o impedire la comunicazione verbale tra gli utenti.
    Tenuto conto di quanto precede, l’Utente può aggiornare World of Warcraft con le patch e gli aggiornamenti autorizzati e distribuiti da Blizzard e usare le Interfacce utente di terze parti, così come stabilito sotto nell’Articolo XV, Sezione 7;
    (9) violare, consapevolmente o inconsapevolmente, le norme locali, statali, nazionali o internazionali con l’uso di World of Warcraft o del Servizio.

    3. L’Utente non può organizzare, fornire assistenza o essere coinvolto in attacchi ai server di World of Warcraft né tentare altre operazioni di disturbo contro i server di World of Warcraft. Non può organizzare attacchi che comportino inconvenienti all’esperienza di gioco di altri giocatori di World of Warcraft. QUALSIASI TENTATIVO DA PARTE DELL’UTENTE O DI UN ALTRO GIOCATORE TRAMITE UN ACCOUNT ATTRIBUIBILE ALL’UTENTE DI DANNEGGIARE WORLD OF WARCRAFT O DI MINARE LA REGOLARE OPERATIVITÀ DI WORLD OF WARCRAFT COSTITUISCE UNA VIOLAZIONE DI NORME CIVILI E PENALI. NEL CASO SI VERIFICASSE UN SIMILE ATTACCO, BLIZZARD ENTERTAINMENT SI RISERVA IL DIRITTO DI CHIEDERE IL MASSIMO RISARCIMENTO POSSIBILE AI SENSI DELLE LEGGI VIGENTI AGLI UTENTI RESPONSABILI.
  4. IV. Regole di condotta di World of Warcraft.

    Come ogni cosa, anche World of Warcraft è governato da certe Regole di condotta (“Regole di condotta”) a cui tutti gli utenti di World of Warcraft devono aderire. Sta all’Utente conoscere, comprendere e rispettare tali Regole di condotta. L’elenco sottostante non è esaustivo e Blizzard Entertainment si riserva il diritto di giudicare se una condotta sia contraria allo spirito del gioco e di prendere le misure disciplinari previste dall’Articolo VI delle presenti Condizioni d’uso. Blizzard Entertainment si riserva il diritto di modificare le Regole di condotta in qualsiasi momento in base all’Articolo XII delle presenti Condizioni d’uso.

    1. Regole relative ai nomi dei personaggi. Ciascun utente potrà scegliere un nome o permettere al software di World of Warcraft di generare casualmente un nome per il suo personaggio. Inoltre, gli utenti possono formare delle “gilde” e ai loro membri sarà chiesto di scegliere un nome per la gilda. Quando si sceglie il nome di un personaggio, si crea una gilda o si crea una qualsiasi altra etichetta visibile ad altri giocatori di World of Warcraft, occorre rispettare, oltre alle comuni regole di decenza, le seguenti linee guida. Qualora Blizzard Entertainment giudicasse tali nomi ed etichette offensivi o inopportuni, essa potrà, a sua esclusiva e assoluta discrezione, modificare il nome, rimuovere l’etichetta e la corrispondente stanza di chat e/o sospendere o interrompere l’utilizzo di World of Warcraft da parte dell’utente responsabile. In particolare, non sarà possibile usare nomi:

    (1) appartenenti ad altre persone, con l’intento di impersonare tale individuo (a mero titolo di esempio, non sarà possibile utilizzare il nome di un “Game Master” o di qualsiasi altro dipendente o agente di Blizzard Entertainment),
    (2) che includano ’bestemmie’ o che siano altrimenti offensivi, diffamatori, volgari, osceni, incitanti all’odio o discutibili dal punto di vista razziale, etnico o altrimenti,
    (3) soggetti ai diritti di altre persone o entità, senza l’autorizzazione previa di dette persone o entità,
    (4) appartenenti a un personaggio della cultura popolare, a una celebrità o a una figura mediatica,
    (5) che siano uguali a, contengano o siano sostanzialmente simili a marchi commerciali o di servizi, registrati o meno,
    (6) appartenenti a figure religiose o divinità,
    (7) presenti in prodotti di Blizzard Entertainment relativi a Warcraft, compresi i nomi dei personaggi presenti nella serie di romanzi di Warcraft,
    (8) legati a droga, sesso, alcool o attività criminali,
    (9) composti da frasi complete o spezzoni di frasi (per esempio, “Beccatiquesta", “Amolacarne", ecc.),
    (10) totalmente senza senso (per esempio, “Asdfasdf", “Jjxccm", “Hvlldrm”),
    (11) che facciano riferimento a icone e personaggi della cultura pop,
    (12) che si rifacciano al “Leet” o “Dudespeak” (per esempio, “Roflcopter", “xxnewbxx", “Roxxoryou”) e
    (13) comprendenti titoli. Ai fini di questa sotto-sezione, per “titoli” si intendono i ’ranghi’ (per esempio, “CaporaleTed” o “GeneralVlad”), titoli monarchici o di fantasia (per esempio, “ReMichele", “LordSanchez”) e titoli religiosi (per esempio, “IlPapa", “Reverend Paul”).

    Non è consentito utilizzare errori ortografici o compitazioni alternative per aggirare le restrizioni ai nomi di cui sopra, né è possibile scegliere un “nome” e un “cognome” che, uniti, violino tali restrizioni.

    2. Regole relative alla “chat", all’interazione con altri utenti e con rappresentanti di Blizzard Entertainment. Il gioco prevede la possibilità di comunicare, sia per iscritto sia oralmente, con altri utenti. È possibile comunicare oralmente tramite una tecnologia “voice over internet protocol” (“Client vocale”). Comunicare con gli altri utenti e con i rappresentanti di Blizzard Entertainment, sia per iscritto sia oralmente, è parte integrante dell’esperienza di World of Warcraft; nel presente documento, a questa possibilità si farà complessivamente riferimento usando il termine “Chat”. Blizzard Entertainment non ascolta né monitora i contenuti delle comunicazioni vocali dell’Utente effettuate tramite il Client vocale. Le comunicazioni scritte possono essere soggette a esame, modifica e/o eliminazione da parte di Blizzard Entertainment senza preavviso. Inoltre, l’Utente accetta che Blizzard Entertainment non è tenuta a monitorare la Chat e che se l’Utente utilizza la Chat lo fa a suo rischio e pericolo. Quando l’Utente usa la Chat in World of Warcraft o usa comunque World of Warcraft, non può:

    (1) trasmettere o pubblicare contenuti o usare, sia per iscritto sia oralmente, un linguaggio che, a esclusiva e assoluta discrezione di Blizzard Entertainment, sia ritenuto offensivo (a mero titolo esemplificativo, un linguaggio illecito, nocivo, minaccioso, offensivo, molesto, diffamatorio, volgare, osceno, istigatore all’odio, sessualmente esplicito o discutibile dal punto di vista razziale, etnico o altrimenti), né può utilizzare errori ortografici o compitazioni alternative per aggirare le restrizioni ai contenuti o al linguaggio di cui sopra,
    (2) compiere atti aventi effetti dannosi, come per esempio far scorrere la schermata della Chat più velocemente di quanto gli altri utenti possano leggere, oppure creare macro con grandi quantità di testo che, se usate, possono disturbare il normale flusso della Chat o usare strumenti che distorcano o interferiscano con le comunicazioni orali degli utenti,
    (3) disturbare il normale flusso del dialogo nella Chat o altrimenti agire in un modo che influisca negativamente sull’esperienza degli altri utenti, come per esempio pubblicare offerte commerciali e/o pubblicità per beni o servizi disponibili fuori dall’universo di World of Warcraft,
    (4) inviare messaggi ripetuti, non richiesti o non graditi a un singolo utente, né pubblicare ripetutamente messaggi simili in un’area di Chat, per esempio inviando continuamente pubblicità di beni o servizi in vendita,
    (5) comunicare o pubblicare le informazioni personali di altri utenti né su World of Warcraft, né su siti o forum legati a World of Warcraft. Un utente di World of Warcraft può però comunicare i propri dati personali a un altro singolo utente tramite messaggio privato,
    (6) usare bot o altre tecniche automatizzate per raccogliere informazioni da World of Warcraft o da forum o siti di proprietà o amministrati da Blizzard Entertainment,
    (7) molestare, minacciare, perseguitare, mettere in imbarazzo o causare disagio, attenzioni non volute o angoscia a un utente di World of Warcraft o ai rappresentanti di Blizzard Entertainment,
    (8) barare o sfruttare in qualsiasi modo eventuali bug di World of Warcraft, per esempio modificando i file del gioco,
    (9) partecipare ad atti che, a esclusiva e assoluta discrezione di Blizzard Entertainment, risultino o possano risultare una truffa per altri utenti autorizzati di World of Warcraft, defraudandoli di oro, armi, corazze o qualsiasi altro oggetto che l’utente si era guadagnato giocando legittimamente a World of Warcraft.

    3. Regole relative al gioco. World of Warcraft è un gioco e le regole che governano il gioco di World of Warcraft sono prese molto sul serio da parte di Blizzard Entertainment. Si noti come Blizzard Entertainment consideri ogni stile di gioco valido come facente parte del gioco stesso di World of Warcraft e non come possibile fonte di molestia, per cui uccidere i giocatori nemici della propria razza e/o fazione e le pratiche del gravestone e/o corpse camping (la ripetuta uccisione di un altro giocatore ogni volta che risorge), sono considerati comportamenti legittimi. Poiché World of Warcraft è un gioco del tipo “giocatore contro giocatore", è bene ricordarsi di proteggersi sempre quando ci si trova in aree in cui i membri delle razze ostili possono attaccarci, anziché contattare i rappresentanti del supporto clienti di Blizzard Entertainment presenti nel gioco, qui denominati “Game Master", per chiedere aiuto quando si viene uccisi da un giocatore nemico. Ciò nonostante, alcuni comportamenti vanno al di là del “lecito” e sono considerati violazioni delle presenti Condizioni d’uso. Tali comportamenti includono, ma non sono necessariamente limitati a, i seguenti casi:

    (1) usare o sfruttare errori di progettazione, caratteristiche non ancora documentate e/o “bug” di programmazione per avere accesso a ciò che altrimenti non sarebbe disponibile o per ottenere un vantaggio rispetto agli altri giocatori,
    (2) connettersi a o creare strumenti che permettano di collegarsi all’interfaccia o alle interfacce proprietarie di World of Warcraft diverse da quelle esplicitamente fornite da Blizzard Entertainment agli utenti,
    (3) usare strumenti che modifichino in qualsiasi modo il software del server o del Client di gioco di World of Warcraft,
    (4) usare software di “packet sniffing” o che forniscano script o macro per ottenere informazioni da World of Warcraft,
    (5) qualsiasi altro comportamento che Blizzard Entertainment consideri contrario all’"essenza” di World of Warcraft.
  5. V. Migrazione del personaggio.

    Blizzard Entertainment può, a sua esclusiva e assoluta discrezione, offrire ad alcuni utenti l’opportunità di spostare uno dei propri personaggi da un server di “migrazione del personaggio” densamente popolato a un server individuato da Blizzard Entertainment come “server bersaglio”. Se questa opportunità viene offerta all’Utente, questi deve tenere conto di quanto segue.

    1. Se il personaggio dell’Utente è un “Capogilda", non può migrare sul server bersaglio.
    2. Non è possibile trasferire più di dieci (10) personaggi per giocatore sul server bersaglio.
    3. Le migrazioni dei personaggi possono verificarsi soltanto quando l’Account che l’Utente usa per giocare a World of Warcraft non è in quel momento utilizzato.
    4. Non è possibile trasferire un personaggio sul server bersaglio se lì il nome del personaggio è già utilizzato. Se sul server bersaglio esiste già un personaggio con lo stesso nome, durante il processo di migrazione del personaggio verrà offerta all’Utente la possibilità di rinominare il proprio personaggio. Come sempre, il nome dovrà rispettare le linee guida indicate sopra.
    5. Le e-mail inviate all’interno del gioco o dirette al personaggio che l’Utente intende far migrare non saranno trasferite anch’esse sul server bersaglio.
    6. Tutte le aste dei giocatori che coinvolgono il personaggio che l’Utente intende far migrare saranno annullate e l’oggetto, la caparra e l’offerta più alta saranno restituiti all’offerente al momento della migrazione. L’oggetto che l’Utente ha posto in vendita o la sua “offerta più alta” appariranno nella casella di posta del suo personaggio una volta trasferitosi sul server bersaglio. Blizzard non sarà responsabile nei confronti dell’acquirente o del venditore per la perdita di fondi od oggetti del gioco durante una transazione in una casa d’aste a causa della migrazione di un personaggio.
    7. L’elenco amici del personaggio migrato non sarà trasferito anch’esso sul server bersaglio.
    8. L’affiliazione a una gilda del personaggio migrato non sarà trasferita anch’essa sul server bersaglio.
    9. La lista degli utenti da ignorare del personaggio migrato non sarà trasferita anch’essa sul server bersaglio.
  6. VI. Conseguenze della violazione delle Regole di condotta.

    Blizzard Entertainment può, a sua esclusiva e assoluta discrezione, prendere qualsiasi misura ritenga necessaria per preservare l’integrità di World of Warcraft. La violazione di una qualsiasi delle Regole di condotta sopra stabilite può comportare l’intervento di Blizzard Entertainment con misure efficaci immediatamente o a partire da un momento prestabilito da Blizzard Entertainment, e che possono includere, senza limitarsi a:

    1. - la temporanea sospensione dell’accesso dell’Utente a World of Warcraft,
    2. - l’interruzione permanente dell’accesso dell’Utente a World of Warcraft (Articolo XV, Sezione 2, sotto),
    3. - la modifica di un personaggio o di un Account, per esempio, riducendo o eliminando punti esperienza, abilità, livelli, fondi od oggetti del gioco,
    4. - la sospensione temporanea o l’eliminazione permanente della possibilità di accedere all’Account con cui l’Utente utilizza il Servizio. Salvo quanto appena stabilito, Blizzard Entertainment si riserva il diritto di negare il Servizio a qualsiasi utente violi le CdU di BNET, le Condizioni d’uso e/o l’EULA.
  7. VII. Rimborso dell’esperienza.

    Anzitutto, nessuna delle regole qui previste comporta un “dovere” di Blizzard Entertainment di rimborsare l’Utente fornendogli un credito d’esperienza per eventuali casi di perdita di quest’ultima, a meno che tale perdita non sia dovuta alla negligenza di Blizzard Entertainment. Detto ciò, Blizzard Entertainment può, a sua esclusiva e assoluta discrezione, scegliere di rimborsare l’esperienza persa dai giocatori in certe situazioni estreme e insolite. Per esempio, Blizzard Entertainment può decidere di rimborsare l’esperienza perduta in caso di un grave guasto ai suoi server. In nessun caso Blizzard Entertainment è obbligata a fornire rimborsi monetari o riconoscere crediti monetari.
  8. VIII. Vendita degli oggetti.

    In base a quanto detto all’inizio delle presenti Condizioni d’uso, ovvero che l’utilizzo da parte di World of Warcraft è concesso in licenza all’Utente e che tale licenza è “limitata", questo è uno dei casi più importanti in cui tali limitazioni entrano in campo. Blizzard Entertainment è proprietaria, o ha concesso in licenza esclusiva, qualsiasi contenuto che appare in World of Warcraft, quindi nessuno ha il diritto di “vendere” i contenuti di Blizzard Entertainment se non Blizzard Entertainment stessa! Quindi, al di fuori del mondo di World of Warcraft, Blizzard Entertainment non riconosce alcuna rivendicazione di proprietà e non le possono essere opposti vendite, donazioni o scambi di qualsiasi elemento di World of Warcraft nel “mondo reale”. Di conseguenza, l’Utente non può vendere o acquistare oggetti virtuali in cambio di denaro o oggetti “reali” al di fuori di World of Warcraft. Blizzard Entertainment ha il diritto di impedire, e impedirà, tali vendite illegali.
  9. IX. Durata online.

    World of Warcraft è un gioco online e deve essere giocato su Internet tramite il Servizio fornito da Blizzard Entertainment. Sta al giocatore procurarsi una connessione a Internet e pagare tutti i costi a essa collegati. Blizzard Entertainment si adopererà in modo ragionevole per fornire il Servizio per tutto il giorno, ogni giorno. Tuttavia, Blizzard Entertainment si riserva il diritto di sospendere temporaneamente il Servizio per manutenzione, prove, sostituzioni e riparazioni dell’equipaggiamento di comunicazione usato per World of Warcraft, oltre che per l’interruzione delle trasmissioni o altre necessità operative del sistema. Blizzard avvertirà l’Utente mediante una notifica nella schermata di connessione del Gioco con 24 ore di anticipo prima di una qualsiasi sospensione temporanea del Gioco stesso, tranne in caso d’emergenza. Blizzard Entertainment accetta di fornire i server e il software necessari per accedere al Servizio finché World of Warcraft non sarà “fuori catalogo”. World of Warcraft sarà considerato “fuori catalogo” dopo che World of Warcraft non sarà più prodotto e/o distribuito da Blizzard Entertainment o dalle sue affiliate. Da quel momento in poi, Blizzard Entertainment potrà, a sua esclusiva e assoluta discrezione, continuare a fornire il Servizio o dare in licenza a terze parti il diritto di fornire il Servizio. Tuttavia, nessuna norma contenuta in questo documento potrà essere interpretata nel senso di imporre a Blizzard Entertainment l’obbligo di fornire il Servizio oltre la data in cui World of Warcraft sarà fuori catalogo. Nel caso in cui Blizzard Entertainment ritenga più conveniente cessare di fornire il Servizio o dare in licenza a terze parti il diritto a fornire il Servizio, Blizzard Entertainment avviserà l’Utente non meno di tre (3) mesi prima. Né il Servizio né la disponibilità di Blizzard Entertainment a fornire accesso al Servizio possono essere considerati un affitto o una concessione in leasing di tempo o volume sui server o su altre tecnologie di Blizzard Entertainment.
  10. X. Prove, manutenzione e altre potenziali sospensioni del Servizio.

    Blizzard Entertainment avviserà gli utenti dell’imminente installazione di aggiornamenti del software, dell’esecuzione di prove o di operazioni di manutenzione sui server, sulle linee di trasmissione dei dati e sugli altri sistemi legati a World of Warcraft sulla homepage di World of Warcraft (http://eu.battle.net/wow/) e/o, laddove possibile, nei modi stabiliti dal successivo Articolo XII. Sta al giocatore prendere conoscenza di tali avvisi, per cui l’Utente ammette e accetta che Blizzard Entertainment non sarà responsabile degli eventuali danni che dovesse subire per non aver letto e/o preso conoscenza di questi avvisi resi pubblici. Inoltre, Blizzard Entertainment può essere costretta a “chiudere” uno o più server per riparare l’hardware o il software legati a World of Warcraft. Anche se è intenzione di Blizzard Entertainment fornire il Servizio per tutto il giorno, ogni giorno, l’Utente accetta che Blizzard Entertainment si riserva di sospendere temporaneamente il Servizio per manutenzione, prove, sostituzioni e riparazioni dell’equipaggiamento di telecomunicazioni usato per World of Warcraft, oltre che per l’interruzione delle trasmissioni e altre necessità operative del sistema.
  11. XI. Rimborsi.

    Le presenti norme sui rimborsi non influiscono o limitano le eventuali rivendicazioni di rimborso a favore dell’Utente. Questa è un’opportunità di rimborso supplementare offerta per contratto da Blizzard Entertainment.

    1. Se l’Utente è un “utente finale standard", nel caso in cui il Servizio venga sospeso o interrotto per più di tre (3) giorni consecutivi (72 ore) senza alcun preavviso da parte di Blizzard Entertainment nei termini sopra indicati, egli ha il diritto, ma non il dovere, di risolvere il rapporto relativo al Servizio o di ricevere un “rimborso del tempo di gioco” sul suo Account, a meno che la sospensione o l’interruzione del Servizio non siano dipesi da: (1) una “causa di forza maggiore", così come definita dall’Articolo XVI, Sezione 9, in appresso; (2) una sospensione o un’interruzione del Servizio imputabili all’Utente o a una qualsiasi terza parte, compresi, per esempio, il nostro Internet Service Provider o qualsiasi altro utente del Servizio; (3) una sospensione o un’interruzione del Servizio dovuti alla mancata fornitura a Blizzard Entertainment dei servizi di telecomunicazione necessari per ospitare il Servizio da parte dei suoi fornitori di servizi di telecomunicazioni per motivi non imputabili a Blizzard Entertainment; e (4) operazioni di manutenzione, sostituzione, verifica di routine e/o costruzione di equipaggiamento del Servizio programmate e di cui era già stato fornito un avviso da parte di Blizzard Entertainment.

    2. Nel caso in cui l’Utente abbia diritto a ricevere un “rimborso del tempo di gioco", Blizzard Entertainment gli accrediterà sul suo Account un tempo pari a quattro (4) volte quello di sospensione del Servizio. Soltanto gli Account in uso che siano ancora “validi” potranno ricevere questi “rimborsi del tempo di gioco”. Nel caso in cui l’Utente scegliesse di risolvere il rapporto relativo al Servizio, egli avrà diritto a un ’rimborso’ nei termini e alle condizioni qui sotto previsti.

    3. Solo gli Account in uso e che siano ancora “validi” potranno ricevere i rimborsi. Gli Account “sospesi” da Blizzard Entertainment per “morosità” o per violazione delle presenti Condizioni d’uso non potranno ricevere rimborsi.

    4. Nel caso in cui l’Utente abbia diritto a ricevere un rimborso e paghi una quota per usare il suo Account per un periodo di tempo stabilito (“Quota fissa”), Blizzard Entertainment fornirà all’Utente un rimborso “proporzionale” nella stessa valuta della Quota fissa più recente: dal rimborso sarà sottratta la quota giornaliera per l’uso del Servizio moltiplicata per il numero di giorni in cui il Servizio è stato disponibile per il periodo di fatturazione preso in considerazione.

    5. Se l’Utente ha acquistato del “tempo di gioco” in base a un’offerta che forniva il diritto di usare il Servizio per un dato periodo di tempo a un prezzo scontato (“Quota scontata”) e chiede a Blizzard Entertainment di eliminare il suo Account, Blizzard Entertainment fornirà all’Utente un rimborso proporzionale calcolato sottraendo dalla Quota scontata una somma pari alla quota mensile in vigore alla data di richiesta di eliminazione dell’Account divisa per trenta (30) e poi moltiplicata per il numero di giorni in cui ha usato il Servizio nel periodo di fatturazione della Quota scontata.

    6. L’Utente è l’unico e il solo responsabile di ogni attività condotta tramite il suo Account e sta a lui assicurarsi che qualsiasi altra persona dovesse usare il suo Account di World of Warcraft conosca i termini del presente Accordo e li rispetti. Nel caso in cui l’Utente dovesse accorgersi o avesse un ragionevole sospetto che la sicurezza del suo Account sia stata compromessa (per esempio a causa della perdita, del furto o della rivelazione non autorizzata della sua password), utilizzerà il nostro procedimento automatico di recupero.
  12. XII. La nostra gestione di World of Warcraft. Modifiche alle Condizioni d’uso.

    Blizzard Entertainment può, di tanto in tanto, modificare o aggiornare il presente Accordo sulle Condizioni d’uso. In questo caso Blizzard Entertainment notificherà all’Utente i cambiamenti o le modifiche mediante una notifica speciale. Se l’Utente non si oppone alle modifiche dell’Accordo sulle Condizioni d’uso il termine di un (1) mese dalla data della notifica speciale, e continua a usare World of Warcraft, ciò varrà come accettazione delle modifiche stesse. Nella notifica speciale, Blizzard Entertainment ricorderà all’Utente che l’utilizzo di World of Warcraft a partire da un (1) mese successivo alla notifica stessa varrà come sua accettazione di tutte le modifiche.
  13. XIII. Proprietà.

    Ogni titolo, diritto di proprietà e diritto di proprietà intellettuale in e su World of Warcraft (compresi, a mero titolo esemplificativo, gli Account degli utenti, i titoli, il codice informatico, i temi, gli oggetti, i personaggi, i nomi dei personaggi, le storie, i dialoghi, gli slogan, i luoghi, i bozzetti, la grafica, le animazioni, i suoni, le composizioni musicali, gli effetti audio-visivi, i metodi operativi, i diritti morali, ogni relativa documentazione, le "applet" incorporate in World of Warcraft, le trascrizioni delle stanze di chat, le informazioni dei profili dei personaggi, le registrazioni delle partite giocate a World of Warcraft e i software dei server e dei client di World of Warcraft) sono di proprietà di Blizzard Entertainment o dei suoi concessori di licenza. World of Warcraft è protetto dalle leggi sul copyright degli Stati Uniti, dai trattati e dalle convenzioni internazionali sul copyright e da altre leggi. Tutti i diritti sono riservati. World of Warcraft può contenere materiali concessi in licenza e, in caso di violazione del presente Accordo, i concessori di licenza di Blizzard Entertainment possono tutelare i propri diritti.
  14. XIV. World of Warcraft e servizi televisivi.

    A cominciare dalla Data di efficacia, dietro corresponsione della quota mensile di abbonamento al Servizio, l’Utente avrà accesso sia al gioco online di World of Warcraft sia a un servizio televisivo di IP TV, ESL Turtle TV, che si occupa, tra le altre cose, dei giochi di Blizzard, dei prodotti di Blizzard e di altri contenuti legati a Blizzard.
  15. XV. Risoluzione.

    Il presente Accordo è efficace fino alla scadenza del periodo per il quale è stato perfezionato, a meno che non intervenga la risoluzione da parte di uno dei contraenti nei seguenti casi:

    1. L’Utente ha il diritto di risolvere il presente Accordo nei casi stabiliti dagli Articoli XI e XII del presente Accordo, oltre che per bancarotta personale, detenzione, ricovero ospedaliero per un periodo superiore a tre (3) mesi o per qualsiasi altro legittimo motivo così come stabilito dalle leggi applicabili o dalle sentenze rilevanti per il caso di specie, purché di tale risoluzione venga dato preavviso scritto per posta al seguente indirizzo: Blizzard Entertainment S.A.S. - Support Clients - TSA 60001, 78008 Versailles CEDEX, France.

    2. Blizzard Entertainment si riserva il diritto di risolvere il presente Accordo con la seguente procedura: se l’Utente viola anche uno solo dei termini contenuti nel presente Accordo, Blizzard Entertainment invierà un avviso di violazione. In caso di grave violazione del presente Accordo, Blizzard Entertainment si riserva il diritto di interrompere il presente Accordo senza alcun preavviso. Sono considerate gravi violazioni le violazioni di clausole importanti, tra cui quelle descritte nell’Articolo III del presente Accordo, nonché il persistere della violazione dei termini dell’Accordo nonostante l’invio di un avviso di violazione. Inoltre, qualora Blizzard Entertainment risolvesse il presente Accordo per violazione delle presenti Condizioni d’uso, l’Utente perderà qualsiasi diritto relativo a pagamenti già effettuati per accedere a World of Warcraft. L’Utente è perciò consapevole e accetta che in quei casi non avrà diritto al rimborso delle somme già pagate dal suo Account al momento della risoluzione del presente Accordo.
  16. XVI. Riconoscimenti. L’Utente riconosce che:

    1. NEL CORSO DELLA REGISTRAZIONE AL SERVIZIO DI BATTLE.NET, L’UTENTE ACCONSENTE A QUANTO SEGUE: DURANTE LA SUA ESECUZIONE, IL CLIENT DI WORLD OF WARCRAFT PUÒ MONITORARE LA RAM (RANDOM ACCESS MEMORY) E/O I PROCESSI DELLA CPU DEL SUO COMPUTER PER RILEVARE LA CONTEMPORANEA ESECUZIONE DI PROGRAMMI NON AUTORIZZATI DI TERZE PARTI. AI FINI DEL PRESENTE DOCUMENTO, SI DEFINISCE “PROGRAMMA NON AUTORIZZATO DI TERZE PARTI” UN QUALSIASI SOFTWARE DI TERZE PARTI, COMPRESI, A MERO TITOLO ESEMPLIFICATIVO, GLI “ADDON” E I “MOD", CHE, A ESCLUSIVA DISCREZIONE DI BLIZZARD ENTERTAINMENT: (1) PERMETTA O RENDA PIÙ FACILE BARARE IN QUALSIASI MODO; (2) PERMETTA AGLI UTENTI DI MODIFICARE O HACKERARE L’INTERFACCIA, L’AMBIENTE O L’ESPERIENZA DI WORLD OF WARCRAFT IN UN QUALSIASI MODO CHE NON SIA ESPRESSAMENTE AUTORIZZATO DA BLIZZARD ENTERTAINMENT; O (3) INTERCETTI, “ESTRAGGA” O ALTRIMENTI RACCOLGA INFORMAZIONI DA O TRAMITE WORLD OF WARCRAFT. NEL CASO IN CUI WORLD OF WARCRAFT RILEVI UN PROGRAMMA NON AUTORIZZATO DI TERZE PARTI, BLIZZARD ENTERTAINMENT POTRÀ (A) TRASMETTERE A BLIZZARD ENTERTAINMENT INFORMAZIONI RILEVANTI QUALI, PER ESEMPIO, IL NOME DELL’ACCOUNT, I DETTAGLI SUL PROGRAMMA NON AUTORIZZATO DI TERZE PARTI RILEVATO, L’ORA E LA DATA DELLA RILEVAZIONE E/O (B) ESERCITARE IN TUTTO O IN PARTE I PROPRI DIRITTI, COSÌ COME PREVISTI DAGLI ACCORDI CON BLIZZARD, CON O SENZA PREAVVISO ALL’UTENTE.

    2. Sono a carico dell’Utente i costi telefonici e per l’accesso a Internet e per ogni equipaggiamento, manutenzione, riparazione o correzione necessari per mantenere la connettività ai server di World of Warcraft.

    3. Per permettere l’identificazione dell’Utente, Blizzard Entertainment ha il diritto di ottenere, senza alcun preavviso ulteriore, alcune informazioni identificative relative al suo computer e al suo sistema operativo, compresi i numeri identificativi dei suoi dischi rigidi e della CPU, gli indirizzi IP e il sistema operativo.

    4. A Blizzard viene concesso il diritto di raccogliere dati “non personali” attraverso la connessione a World of Warcraft per eseguire analisi demografiche sugli utenti di World of Warcraft senza fornire ulteriori avvisi.

    5. Per aiutare Blizzard Entertainment a rilevare e punire gli utenti che usino “hackeraggi” o “cheat” al fine di ottenere indebiti vantaggi sugli altri giocatori, l’Utente riconosce che Blizzard Entertainment avrà il diritto di ottenere certe informazioni sul suo computer e le sue componenti, comprese la RAM (Random Access Memory), la scheda video, la CPU e le periferiche di memorizzazione. Tali informazioni saranno utilizzate al solo fine di identificare i “bari”.

    6. BLIZZARD ENTERTAINMENT NON GARANTISCE CHE WORLD OF WARCRAFT NON SUBIRÀ MAI INTERRUZIONI O CHE SIA ESENTE DA ERRORI, O CHE WORLD OF WARCRAFT O IL SERVIZIO SIANO ESENTI DA VIRUS O ALTRE COMPONENTI NOCIVE. Blizzard Entertainment avvisa espressamente l’Utente che non è possibile sviluppare un prodotto software complesso completamente privo di difetti tecnici. Le caratteristiche contrattualmente definite del software e del Servizio forniti da Blizzard Entertainment non implicano che il software sia completamente esente da errori di programmazione, ma solo che il software sia esente da errori di programmazione che ne impediscano materialmente l’utilizzo.

    7. L’utilizzo di “interfacce utente” diverse da quella inclusa nel software di World of Warcraft (“Interfacce utente di terze parti”) non è consigliato da parte di Blizzard Entertainment, per cui l’Utente accetta di indennizzare e manlevare Blizzard Entertainment da qualsiasi richiesta di risarcimento per danni o altre perdite che possano sorgere dall’utilizzo da parte dell’Utente di Interfacce utente di terze parti. Nel momento in cui Blizzard Entertainment decidesse di pubblicare sul proprio sito un elenco di Interfacce utente di terze parti approvate, l’Utente accetta di utilizzare solo le Interfacce utente di terze parti approvate da Blizzard Entertainment e che non userà altre Interfacce utente di terze parti in connessione con World of Warcraft.

    8. L’Utente potrebbe non essere in grado di accedere a World of Warcraft ogni volta che lo voglia, e potrebbero esserci periodi prolungati in cui non potrà accedere a World of Warcraft.

    9. Blizzard Entertainment non può essere considerata responsabile per ritardate o mancate prestazioni derivanti da cause che vanno ragionevolmente al di fuori del suo controllo, comprese, a mero titolo esemplificativo, le mancate prestazioni a causa di circostanze impreviste o al di fuori del controllo di Blizzard Entertainment come cause di forza maggiore, guerre, atti terroristici, rivolte, embarghi, provvedimenti di autorità civili o militari, incendi, allagamenti, incidenti, scioperi, improvvise carenze di infrastrutture o di riserve di carburante, energia, forza lavoro o materie prime.

    10. World of Warcraft richiede la creazione e la conservazione di file elettronici, come per esempio quelli relativi ai personaggi del giocatore, agli account, alle statistiche, ai profili utente, alle armi, alle corazze, alle missioni, ai bottini, ecc. (“Dati di gioco”), che sono conservati da Blizzard Entertainment (a scanso di equivoci, i dati concernenti l’utilizzo del Client vocale non sono conservati). Conservare i Dati di gioco al sicuro è una priorità di Blizzard Entertainment. Blizzard Entertainment si adopererà in ogni modo ragionevole per ripristinare i Dati di gioco, a meno che non sia stato l’Utente a causarne la perdita per negligenza o intenzionalmente.

    11. Se e nei limiti in cui sia necessario per tenere operativo il Servizio secondo le norme previste nel presente documento, e in particolare per mantenere godibile e bilanciata l’esperienza di gioco per tutti i giocatori, Blizzard Entertainment si riserva il diritto di modificare o cancellare i Dati di gioco.

  17. XVII. Limitazione di responsabilità.

    1. Blizzard è responsabile per legge in caso di (i) infrazione volontaria, (ii) grave negligenza, (iii) danni conseguenti a lesioni che possano mettere in rischio la vita, l’uso degli arti o la salute, o (iv) violazione dei termini del "Product Liability Act". Per grave negligenza s’intende un’azione o un’omissione dovuta a grande superficialità, che evidenzia una chiara violazione dei doveri basilari.

    2. Senza alcuna limitazione alle responsabilità riportate nella Sezione XVII.1, Blizzard Entertainment è responsabile per lievi negligenze in caso di violazione di una norma contrattuale materiale. Per norma contrattuale materiale s’intende qualsiasi obbligo (i) indispensabile per l’esecuzione del presente Accordo, (ii) la cui violazione rischia di minare lo scopo dell’Accordo e (iii) la legittima aspettativa dell’Utente al rispetto dello stesso. In tali casi, la responsabilità è limitata ai danni tipici e prevedibili. Per lievi negligenze s’intende una qualsiasi negligenza che non sia considerata grave.
  18. XVIII. Varie.

    1. Il presente Accordo sarà soggetto e interpretato in base alle leggi applicabili nel paese di residenza dell’Utente. Chi sceglie di accedere a World of Warcraft tramite il Servizio da un paese diverso, lo fa di propria iniziativa ed è responsabile del rispetto delle leggi locali, se e nei limiti in cui tali leggi siano applicabili. World of Warcraft, il Servizio e i relativi software sono soggetti anche a eventuali controlli sulle esportazioni. Il software utilizzato da World of Warcraft e/o dal Servizio non può essere scaricato o altrimenti esportato o ri-esportato in (o in favore di un residente o cittadino di) Cuba, Iraq, Libia, Corea del Nord, Iran, Siria o qualsiasi altro paese nei confronti del quale gli Stati Uniti d’America hanno posto un embargo o in favore di individui presenti nell’elenco del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti d’America degli “Specially Designated Nationals” o nella tabella del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti d’America “Table of Deny Orders”. Utilizzando il Servizio, l’Utente è consapevole e garantisce di non trovarsi in una di quelle liste o di non trovarsi in, o sotto il controllo di, o di essere un cittadino o residente di uno di quei paesi.

    2. Nel caso in cui una delle norme del presente Accordo sia ritenuta invalida, nulla, o per qualsiasi motivo inefficace, allora quella norma sarà considerata separabile dal resto dell’Accordo e non influirà sulla validità e sull’efficacia delle norme restanti. Le presenti Condizioni d’uso costituiscono l’intero ed esclusivo testo dell’accordo tra l’Utente e Blizzard Entertainment in relazione al Servizio e questo Accordo sostituisce qualsiasi altro accordo precedente o contemporaneo, scritto o orale, e qualsiasi altra comunicazione a esso relativa tra l’Utente e Blizzard Entertainment; resta comunque salvo che il presente Accordo si aggiunge e non sostituisce né rimpiazza l’EULA o le CdU di BNET. In caso di conflitto tra le norme delle Condizioni d’uso e le CdU di BNET, prevarranno le norme delle presenti Condizioni d’uso. Questo Accordo può essere modificato solo nei modi stabiliti dall’Articolo XII. Inoltre, nel caso in cui Blizzard Entertainment sia contattata da autorità governative e/o da parti che richiedano informazioni o un risarcimento a carico dell’Utente per una violazione commessa o che si presume l’Utente abbia commesso in connessione con l’utilizzo di World of Warcraft, Blizzard Entertainment collaborerà pienamente con ogni autorità governativa assicurando un adeguato livello di protezione così come richiesto dall’articolo 25 della Direttiva europea 95/46/EC e con ogni ordine di autorità giudiziaria di trasmissione delle informazioni che riguardino l’Utente e il suo utilizzo di World of Warcraft, come, per esempio, i suoi indirizzi IP (Internet Protocol), le informazioni personali associate e ogni altra informazione sull’Utente su file. Le intestazioni degli articoli qui utilizzate svolgono una mera funzione di riferimento e non contano ai fini dell’interpretazione dell’Accordo.

    L’Utente accetta che il suo utilizzo del servizio di World of Warcraft implica la sua accettazione dei termini e delle condizioni previsti nel presente Accordo.

    © 2012 Blizzard Entertainment, Inc. Tutti i diritti riservati. World of Warcraft, Warcraft e Blizzard Entertainment sono marchi o marchi registrati di Blizzard Entertainment, Inc. negli Stati Uniti e/o negli altri paesi. Tutti i diritti riservati.